È il sovraindebitamento la principale criticità delle Famiglie Italiane

/, Associazione, Debiti, pignoramento, Prestito, Signoraggio bancario, Sovraindebitamento, Tasse/È il sovraindebitamento la principale criticità delle Famiglie Italiane

È il sovraindebitamento la principale criticità delle Famiglie Italiane

disperazione

È il sovraindebitamento la principale criticità delle Famiglie Italiane

Sovraindebitamento, rinegoziazione dei mutui e clonazione delle carte di pagamento: sono queste le principali difficoltà dei cittadini alle prese con i servizi bancari e finanziari.

Lo sottolinea un dato Nazionale attinto dalle medie rilevate nell’anno 2016 ( gennaio /luglio) nel Focus riservato ai servizi bancari e assicurativi

Nel settore dei servizi bancari, le criticità sul credito al consumo rimangono alte, anche se in diminuzione rispetto al 2015 (31%) così come i mutui (29,6%), mentre aumentano le segnalazioni sui problemi relativi ai conti correnti bancari (23,9%) e quelle su investimenti e risparmi (15.5%).

Nell’ambito del credito ai consumatori, sebbene il prestito finalizzato rappresenti sempre la prima voce di segnalazioni in quest’area (35%), con problemi soprattutto legati alle inadempienze del venditore, crescono le lamentele relative al prestito personale (32,5% rispetto al 27,3% del 2015), a conferma dei fatto che i cittadini sempre più spesso sono costretti a ricorrere a prestiti non necessariamente vincolati all’acquisto di un bene o servizio.

I consumatori segnalano eccessive richieste di garanzie da parte degli Istituti, problemi di insostenibilità nel pagamento della rata.

Per quanto riguarda il credito al consumo, i cittadini si rivolgono alle associazioni per casi di sovra-indebitamento e di difficoltà nel rimborsare le rate, così come rimangono alte (26,3%) le segnalazioni sull’iscrizione alle banche dati cattivi pagatori.

Sui mutui, poco meno di un terzo dei cittadini (29,6%) chiede informazioni ed assistenza su come rinegoziare il mutuo ( 27,3%) o ricevere assistenza sulla sospensione (22,7%).

Sui conti correnti, la clonazione delle carte di pagamento rappresenta il problema più segnalato (19,2%).

In questo contesto, l’educazione finanziaria diventa una priorità, dicono dall’associazione.

“Chiediamo”, dichiara l’Avv Tarroni , “di investire in questa direzione già a partire dalle proposte di legge in discussione, rafforzando la presenza delle Associazioni nel previsto comitato Nazionale.

Dividi et impera è stato per troppo tempo utilizzato contro i Cittadini.

Ora ci siamo uniti per difenderci al meglio.

In materia di sovra-indebitamento, di far conoscere l’opportunità del Piano del Consumatore e di costituire presso gli enti locali, in particolar modo, presso i segretariati sociali, gli Organismi di Composizione delle Crisi”.

Sul piano delle assicurazioni, le criticità maggiori riguardano le polizze Rc Auto, in particolare per problemi con la liquidazione del sinistro e per avere informazioni su come ottenere l’indennizzo diretto. Il 10,3% segnala mancanza di trasparenza sulle condizioni contrattuali e, nella stessa percentuale, l’aumento della polizza.

Anche in questo caso, la strada dell’educazione assicurativa sembra essere la base da cui partire per migliorare le conoscenze dei cittadini-consumatori. Inoltre, propone l’associazione, occorrerebbe diffondere l’innovazione tecnologica e la presenza di nuovi canali distributivi come i comparatori, così come è necessario investire ancor di più nella regolazione.

Al popolo servono soluzioni e non sanzioni che poi , una volta commissionate alle grandi Compagnie assicurative , vengono assorbite dai guadagni e dagli aumenti di polizza ingiustificati.

Se volete partecipare all’area test scrivete ad :

assicurazioni@avvocatoinfamiglia.com e farete parte di un progetto che porterà gli agenti affianco ai Cittadini.

www.avvocatoinfamiglia.com; www.andreafisco.com

presidenza.nazionale@avvocatoinfamiglia.com; a.fisco@avvocatoinfamiglia.com

n. verde ultimo

LOGO REGISTRATO CIRCOLARE