AVETE UN CARTA DI CREDITO ? REVOLVING ? LEGGETE QUESTO ARTICOLO

/, Debiti, Normativa Europea, problemi, Recupero crediti, Risultati, TRUCCHI PER DIFENDERE LA FAMIGLIA/AVETE UN CARTA DI CREDITO ? REVOLVING ? LEGGETE QUESTO ARTICOLO

AVETE UN CARTA DI CREDITO ? REVOLVING ? LEGGETE QUESTO ARTICOLO

AVETE UN CARTA DI CREDITO ? REVOLVING ?

SE LEGGETE QUESTO ARTICOLO

 SMETTERETE DI PAGARE INTERESSI

 

Dietro la emissione di una carta di credito si nasconde la Truffa del popolo che si chiama

” SIGNORAGGIO BANCARIO “

 

Appena apprenderete di cosa si tratta vi verrà tanta ma proprio tanta  voglia di fare qualcosa contro il SISTEMA BANCARIO e se siete possessori di una carta di debito  potete usare il sistema spiegato da Gandhi.e che ha aiutato il popolo Indiano

Aderite al Comitato spontaneo IO NON PAGO INTERESSI AL GRASSO BANCHIERE . 

Carte di credito revolving ?  

Ecco cosa contestare e come smettere di pagare interessi alla banca

( e nemmeno il capitale talvolta  ) 

Cominciamo a capire cosa è una carta di credito/debito

Le carte di credito “revolving” sono una tipologia di credito molto diffuso Con cui il cliente acquista beni e servizi nell’immediato e li rimborsa mediante rate di importo costante solitamente da corrispondersi all’inizio del mese successivo.L’addebito all’inizio del mese, infatti, non avverrà a saldo, come avviene con le carte di credito tradizionali, bensì mediante il pagamento di rate mensili il cui importo è già stato contrattualmente stabilito.

Volendo spiegare più chiaramente il funzionamento delle carte di credito revolving mediante un esempio pratico, il cliente potrà effettuare una spesa nei limiti del credito concesso per un dato costo (ad es. € 1.000,00), rimborsando lo stesso con rate mensili di importo costante (ad es. di € 100,00). In tal modo, egli godrà di disponibilità economica immediata da restituire però con tempi più lunghi rispetto alle carte di credito tradizionali.

Bellissimo vero ?

Si ma solo per il banchiere !

Ecco cosa non vi dicono :  a fronte dei vantaggi ( acquisto oggi e pago nel tempo)  le finanziarie richiedono interessi corrispettivi di consistente entità, anche considerato che il tasso soglia oltre il quale scatta il reato di usura è in genere decisamente più elevato per le carte revolving in confronto a ogni altra tipologia di finanziamento. Ecco quindi un semplice elaborato che vi consente  di analizzare le casistiche più ricorrenti  in tema di carte di credito “revolving”, soffermandosi in particolare su quelle in cui siano stati ravvisati rilevanti profili di illegittimità.

ECCO COSA ABBIAMO SCOPERTO 

Avete diritto alla ” NULLITA’ DEL CONTRATTO DI CARTA DI CREDITO REVOLVING PER MANCANZA DI FORMA SCRITTA EX ART. 117 T.U.B.  “

(Avete mai comprato un bene a rate e vi hanno rifilato la carta revolving ? è illegale ) 

Come è noto, i contratti in materia bancaria e finanziaria devono essere redatti per iscritto a pena di nullità poiché tale forma solenne è espressamente prevista ed imposta dall’art. 117 del Testo Unico Bancario (T.U.B.).

Qualora un dato contratto di finanziamento (per es. finalizzato ad acquistare un’autovettura) contenga al suo interno una o più clausole che, di fatto, costituiscano un secondo contratto diverso da quello principale ed avente ad oggetto, quest’ultimo, la concessione di una carta di credito revolving, occorrerà chiedersi se il requisito della forma scritta possa reputarsi osservato anche per la seconda delle contrattazioni sottoscritte.

Non solo in Tribunale ma anche presso l’Arbitro Bancario Finanziario, si sono  ritenuti nulli i contratti di carte di credito revolving che siano stati inclusi in altri e differenti contratti di finanziamento, rilevando al riguardo che la “mera sottoscrizione di una clausola scritta in caratteri minuti e contenuta in un modulo avente a oggetto la richiesta di un prodotto bancario e/o finanziario del tutto diverso da una carta revolving, le cui condizioni sono riportate in documenti separati e nemmeno sottoscritti dal ricorrente, non può in alcun modo soddisfare il requisito della forma scritta imposta dal TUB, che è finalizzato a soddisfare le esigenze informative del cliente” (v. Tribunale Chieti Sez. Ortona n. 230/2017; nonché decisioni ABF Collegio di Coordinamento n. 3257/2012; ABF Collegio di Milano n. 650/2012; ABF Collegio di Roma n. 6183/2013).

 

AVETE COMPRESO COSA SIGNIFICA CONTRATTI NULLI ?

Se conoscete questo diritto non dovete neanche un centesimo di interesse per Legge a questi grassi ed avidi banchieri che hanno speculato oltre il lecito ed il sopportabile dal Popolo Italiano. Non aspettate un aiuto dallo Stato, prendetevi quello che vi spetta da soli. 

 

 PERCHE’ CONTINUATE A PAGARE INTERESSI ?

TROVATE LA FORZA DENTRO DI VOI PER AGIRE E SE NON SAPETE COME FARE DA SOLI  UNITEVI

NELLA DIFESA CONDIVISA CON ALRI CITTADINI STANCHI DEI BANCHIERI .

La giurisprudenza ha trovato pieno conforto anche in sede di giustizia amministrativa, dal momento che il Consiglio di Stato in Adunanza Plenaria (sentenza n. 14/2012), a conferma di  una precedente decisione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, ha reputato scorretta la pratica commerciale avente ad oggetto l’utilizzo di documentazione precontrattuale e contrattuale unitaria per due prodotti finanziari sostanzialmente diversi, se da essi si evincano informazioni precise ed esaustive solo per il primo di tali prodotti.

Cosa dovete fare adesso che lo sapete ? 

  1. Contattate l’indirizzo mail :  IONONPAGO@AVVOCATOINFAMIGLIA.COM  spiegandoci cosa avete finanziato , quante carte di credito avete attivato.
  2. Attendete la risposta dell’esperto che vi illustrerà come uscire dal debito senza nemmeno fare causa alla banca .In 48 ore avrete la risposta 

Tramite una serie di notifiche la Consulta legale dell’associazione ha contestato alle varie banche e finanziarie  l’importo del finanziamento concesso per l’acquisto di un bene veniva addebitato su una carta rilasciata al cliente all’atto dell’acquisto contestualmente all’apertura di una linea di credito revolving.

La banca sa benissimo che con queste   casistiche il cliente è tenuto a corrispondere all’istituto di credito soltanto il capitale ricevuto -oltre agli interessi al tasso legale- ma non gli interessi nella misura pattuita nel contratto nullo , e deve restituire tutti gli interessi illecitamente incassati. 

 

Volete davvero usare i vostri diritti

ed impedire ai banchieri di farla franca ? 

Avete una carta di credito ? Revolving? Conoscete amici o parenti che ne fanno uso? 

NOI RIPRISTINIAMO IL DIRITTO E RIDUCIAMO IL DEBITO 

SENZA FARE NESSUNA CAUSA PERCHE’ A NON VOLERLA ,

SONO PROPRIO I BANCHIERI CHE HANNO AGGIRATO

LA LEGGE E SI APPROFITTANO DI COLORO CHE STANNO ZITTI. 

IONONPAGO@AVVOCATOINFAMIGLIA.COM

e chiedete informazioni, studiare ed imparare  non costa nulla.  

 

 

 

Approfondimento per i più esperti.  Continua qui a leggere