Come funziona la difesa condivisa2019-08-07T06:56:10+02:00

 

 Ecco come funziona la difesa condivisa 

(perché i protagonisti siete voi).

Ecco come funziona la difesa condivisa

Ne sentiamo parlare da un sacco di tempo ma alla fine: cos’è la difesa condivisa? Scopriamolo leggendo questo breve articolo.

 

 

 

 

Facciamo subito un esempio per capire meglio.

I consumatori sono come dei piccoli pesci, mentre le multinazionali sono un enorme e sempre affamato squalo. Chiare le proporzioni? Noi tutti piccolissimi e loro enormi: che speranze avremmo di vincere da soli?

Inutile dire che lo squalo si mangia in un boccone i suoi simili in ‘versione mignon’. Ed è proprio a questo punto che entra in gioco un sistema anglosassone, denominato difesa condivisa o correttamente ” Class Action” 

 Qui il pesce grande non mangia più il pesce piccolo. Quest’ultimo infatti, unendosi con gli altri suoi simili (ovvero la difesa), riesce ad impaurire il pescecane e difendersi.

L’unione del sapere non appartiene solo alle Multinazionali che, pagando lautamente i loro avvocati, possono conoscere le regole e le leggi.TALVOLTA ANCHE FARLE APPROVARE !!!!! 

Oggi grazie a questo sistema di difesa, anche i piccoli consumatori possono conoscere  le leggi a favore dei debitori, utilizzando a proprio favore avvocati preparatissimi e strategicamente evoluti.

 

La miglior causa è quella che non si fa, e Noi lo stiamo dimostrando.

 

I migliori esperti

Noi dell’associazione Avvocato In Famiglia abbiamo il supporto dei migliori professionisti in Italia (avvocati, tributaristi, ecc), ai quali affidiamo i nostri associati. Naturalmente questo avviene tenendo proprio conto della materia in cui eccelle ogni esperto.Questo è quello che accade normalmente quando abbiamo un malanno.  Se abbiamo un problema all’occhio ci recheremo da un oculista, mentre invece se abbiamo il di mal di denti andremo da un dentista. Ecco bene, noi applichiamo la stessa logica anche nel diritto. Ogni nostro professionista ha la sua specializzazione, che verrà messa a disposizione degli associati con quella determinata problematica, la quale sarà condivisa anche con gli altri legali.

 

Come lavoriamo

Tutto è informatizzato. Attraverso un lavoro velocissimo del nostro front office, acquisiamo le informazioni necessarie per conoscere a 360° la problematica che vi affligge. A questo punto costruiamo l’istruttoria affidando la sua gestione e all’avvocato più adatto per quella determinata problematica. Talvolta on-line, talvolta presso lo studio più vicino. 

Perché la difesa condivisa fa la differenza

Il grande vantaggio che si ha intraprendendo l’iter della difesa condivisa? Rivolgendovi in tanti dagli stessi professionisti, a tutti noi (previa iscrizione all’associazione) viene applicata la tariffa minima prevista dall’ordine degli avvocati. Tale denaro sarà poi corrisposto all’esperto al termine di tutte le attività svolte.

L’UNIONE CREA LA FORZA

E LA CAPACITA’ DI DIFENDERSI.

I benefici però non sono finiti qui! Ispirandoci al sistema americano di associazionismo, l’associazione Avvocato In Famiglia terrà informato l’assistito di tutto l’andamento della procedura. Esso lavorerà in sinergia con l’avvocato, senza mai rimanere solo o all’oscuro di tutto quello che sta accadendo.

LA DIFESA CONDIVISA SIETE VOI 

Chiunque aderisce alla difesa condivisa sarà partecipe, insieme al professionista a lui affiancato, delle strategie di contrasto al sistema bancario (o altro). Importante che siate edotti ed impariate l‘arte della guerra. Perché tale arte, il nostro avversario, la conosce già.

IO AGISCO, IO HO DEI DIRITTI, IO NON MI UCCIDO, IO NON PIEGO ALL’ARROGANZA DELLE BANCHE.

Con la giusta strategia eviterete pignoramenti e debiti insostenibili.

Avete domande? Scrivete a:  IOAGISCO@AVVOCATOINFAMIGLIA.COM

*****

 

Ecco i risultati ottenuti.

Clicca qui 

volete saperne di più ?  scrivete a :  

IOAGISCO@AVVOCATOINFAMIGLIA.COM

Numero verde

(orario 9:00-12:00- 15:00-17:00)

WhatsApp

orario continuato 18/24


Seguiteci su tutti i Social!

ISCRIVETEVI ALLA NEWSLETTER, L’INFORMAZIONE È L’ARMA PER DIFENDERSI

 

 

Torna in cima