Il SILENZIO E LA COMPLICITÀ’ DI CHI NON CONOSCE IL 

PRINCIPIO DELLA RANA BOLLITA

 

L’arte della guerra e gli studi di cratesiologia sono disponibili ma qualcuno ancora non capisce cosa stia accadendo adesso, qui , in Italia. Il  filosofo americano Noam Chomsky è  spiegava così, con un esempio semplicissimo il principio secondo cui, la popolazione accetta la scomparsa dei valori tradizionali e consolidati con tutto ciò che ne deriva.

COME SI FREGA UN POPOLO ?

ECCO COME SI FREGA UNA RANA

Immaginate un pentolone pieno d’acqua fredda nel quale nuota una rana. Il fuoco sotto la pentola è acceso, e quindi l’acqua si riscalda lentamente. Dopo un po’ diventa tiepida, ma la rana, trovandola piuttosto gradevole, continua tranquillamente a nuotare. Dopo qualche minuto la temperatura sale ancora e la rana si rilassa, e, pur trovando il liquido meno gradevole di prima, continua a non spaventarsi. L’acqua adesso è davvero troppo calda e la rana si è indebolita, non ha la forza di reagire. Sopporta e non fa nulla mentre la temperatura sale ancora, fino al momento in cui la rana muore bollita. Se la stessa rana fosse stata immersa direttamente nell’acqua a 50° sicuramente sarebbe balzata subito fuori dal pentolone.

 

E se la rane fossero i nostri figli? Ma questa è  una storiella che rende più facile la comprensione della terza delle dieci strategie della manipolazione delle masse brillantemente elaborata da Chomsky che testualmente scrive:

“Per far accettare una misura inaccettabile basta applicarla gradualmente, col contagocce, per mesi ed anni consecutivi. Tutto diventerà normalità anche la privazione della libertà”

 

Vogliamo fare un viaggio nel passato?

Ma quanto lentamente in Italia in maniera lenta  sono state accettate condizioni socioeconomiche radicalmente nuove e sempre peggiori ( per il popolo ovviamente ) furono imposte in Italia e nell’UE durante i decenni degli anni ‘80 e ‘90.

Ve le ricordate ?

  1. Stato minimo
  2. Privatizzazioni
  3. Precarietà
  4. Flessibilità
  5. Disoccupazione di massa
  6. Salari che non garantiscano più redditi dignitosi

Tutti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero stati applicati in una sola volta; ma sono stati progressivamente e subdolamente imposti proprio grazie al principio della rana bollita, cioè noi ma soprattutto i nostri figli.

Ma ecco cosa insegnava Chomsky:

1-La strategia della distrazione
2- Creare problemi e poi offrire le soluzioni
3- La strategia della gradualità
4- La strategia del differire
5- Rivolgersi al pubblico come ai bambini
6- Usare l’aspetto emotivo molto più della riflessione
7- Mantenere il pubblico nell’ignoranza e nella mediocrità
8- Stimolare il pubblico ad essere compiacente con la mediocrità
9- Rafforzare l’auto-colpevolezza
10- Conoscere gli individui meglio di quanto loro stessi si conoscano

 

APPROFONDIMENTO 

Il principio della rana bollita è un principio metaforico raccontato dal filosofo statunitense Noam Chomsky, per descrivere una pessima capacità dell’essere umano  moderno: ovvero la capacità di adattarsi a situazioni spiacevoli e deleterie senza reagire, se non quando ormai è troppo tardi.

Viviamo, infatti, in una società nella quale il popolo è letteralmente schiacciato dall’economia, economia che detta ordini alla  politica, economia che è proprietaria dei media, e accetta passivamente il degrado, le vessazioni, la scomparsa dei valori e dell’etica che derivano da questo continuo subire, in silenzio, senza mai reagire.

 

Questo principio può essere, tuttavia, calato in realtà diverse tra loro e ad esempio può essere usato per descrivere il comportamento delle persone inerti, immobili, remissive, rinunciatarie, noncuranti, che si deresponsabilizzano di fronte alle scelte quotidiane di vita. Ma vediamo cosa racconta questo principio della rana bollita.  Ecco dove potete trovare a poco prezzo il libro “Media e Potere” di Noam Chomsky.

Se scaviamo nella storia  il “fenomeno della rana bollita ” riguardò una ricerca condotta dal “John Hopkins University” nel lontano 1882. Durante un esperimento, alcuni ricercatori americani notarono che lanciando una rana in una pentola di acqua bollente, questa inevitabilmente saltava fuori per trarsi in salvo. Al contrario, mettendo la rana in una pentola di acqua fredda e riscaldando la pentola lentamente ma in modo costante, la rana finiva inevitabilmente bollita.

Questo principio viene applicato quotidianamente nella società moderna attraverso delle subdole tecniche di manipolazione di massa e delle coscienze. Tecniche travestite da “benessere”, apparentemente a favore dell’umanità, come il vivere meglio, la salute, il prolungamento della vita, sempre più prodotti, più servizi, progresso, tecnologia, nuove morali, ma dove ci sta portando tutto questo?

In verità il principio della rana bollita ci dimostra che quando un cambiamento si effettua in maniera sufficientemente lenta, da diventare pertanto invisibile, sfugge alla coscienza e non suscita, per la maggior parte dell’umanità, nessuna reazione, nessuna opposizione, nessuna rivolta. Questo accade perché il permanente ingozzamento di informazioni da parte dei media satura i cervelliche non riescono più a discernere, quindi a pensare con la loro testa, e diventano alienati di un sistema che li governa a proprio piacimento. Ci persone che credono ancora che questa crisi economica, politica e sociale, sia momentanea e non strutturale, ci sono persone che sperano ancora che le soluzioni arrivino dall’alto, convinti che nel frattempo possano tranquillamente lasciarsi avvolgere dal comfort della vita quotidiana.

Questa anomala ondata di corona virus, scriviamo anomala perchè i numeri indicano valori differenti da quello che ” urlano ” i media , appare un pò come un’altra delle regole di Chomsky da utilizzarsi per ” ipnotizzare ” il popolo.

Cosa fare? Anzitutto consapevolezza che qualcuno di molto potente ( e chi se non coloro che hanno da 400 anni il monopolio del denaro?  PREMI QUI ).

COSA POSSIAMO FARE? CONDIVIDERE IN RETE E RAGIONARE

Un po’ come la rana apprezzava il momento in cui l’acqua si riscaldava pian piano. La verità è che queste persone sono già mezze bollite, sono i dormienti, i zombi di questa società. La loro fine sarà identica a quella della rana bollita. Bisogna saltare! E badate bene, non si tratta di fuggire, ma di affrontare la situazione ed esaminare le possibili soluzioni, prima che sia troppo tardi.

 

COSA FAREMO QUANDO IN TANTI AVRANNO CAPITO? 

Coloro che rendono impossibili le rivoluzioni pacifiche rendono inevitabili le rivoluzioni violente .

J.F.KENNEDY

 

 

Se guardiamo ciò che succede nella nostra società da alcuni decenni, ci accorgiamo che stiamo subendo una lenta deriva alla quale ci abituiamo. Un sacco di cose, che ci avrebbero fatto orrore 20, 30 o 40 anni fa, a poco a poco sono diventate banali, edulcorate e – oggi – ci disturbano solo leggermente o lasciano decisamente indifferenti la gran parte delle persone. In nome del progresso e della scienza, i peggiori attentati alle libertà individuali, alla dignità della persona, all’integrità della natura, alla bellezza ed alla felicità di vivere, si effettuano lentamente ed inesorabilmente con la complicità costante delle vittime, ignoranti o sprovvedute.

 Noam Chomsky

 


Volete maggiori informazioni?

Mail: info@avvocatoinfamiglia.com
Numero verde: 800 134 008 (09-12 / 15-17) 
WhatsApp: +39 338 8310374 (orario continuato)


Seguiteci su tutti i Social!


Avete bisogno di aiuto? Chiedetelo ad un avvocato Etico 

  • Contatti
  • Oggetto
  • Vi ricontattiamo
  • Dati personali

Inserite i vostri dati di contatto

Email

Telefono

Raccontateci la vostra storia

Argomento

Come possiamo aiutarvi?

Scegliete la vostra preferenza

Come preferireste essere ricontattati?

Che urgenza avete?

Inserite i vostri dati (facoltativo)

Nome

Cognome

Città / Paese