FAVOREVOLI E CONTRARI ?

In un momento storico dove le libertà personali sono a forte rischio divampa la polemica. E’ più importante la salute pubblica o la libertà personale? Ma la Costituzione non dice che il Paese è fondato sul lavoro? ed allora perchè si impedisce il lavoro in nome della salute ?

Ognuno ha la sua personale verità come questo caso denunciato alla Procura della Repubblica.

I RISULTATI ” FALSI” DEI TAMPONI

E’ stata depositata la prima azione legale con relativa denuncia, intentata da 4 scienziati e un avvocato contro la limitazione delle libertà se determinate da tamponi. Come già riportato in un articolo precedente il dr. Stefano Scoglio riportava all’attenzione pubblica della mancata validazione e della quasi totale inaffidabilità degli attuali test RT-PCR, anche sulla base di un’analisi della fondazione internazionale FIND, riportata dallo stesso Istituto Superiore di Sanità che dimostra come la gran parte dei kit test attualmente disponibili possono produrre fino al 95% di falsi positivi!

MA SE LO AMMETTE LO STESSO ISTITUTO NAZIONALE PERCHE’ LI USANO ANCORA ? 

Data la drammatica situazione attuale, e l’uso socio-politico che viene fatto di tali test di massa, diventati fonte di allarme sociale, che sta mettendo seriamente alla prova la tenuta socio-economica di interi Paesi, oltre a disporre la “reclusione” fiduciaria ingiustificata di centinaia di migliaia di cittadini del tutto sani, irragionevolmente ritenuti possibili untori, parte un’iniziativa di denuncia formale alle Istituzioni per chiedere la fine di questo stato di cose.

COME CONDANNARE UN IMPRENDITORE DISPERATO PER NON POTER LAVORARE DI FRONTE

A TANTA IRREGOLARITA’ DICHIARATA DALLA STESSA STRUTTURA SANITARIA NAZIONALE? 

Non volendo prendere parte al dibattito ma con lo scopo di farvi riflettere con la vostra testa , e non quella dei TG,  vi alleghiamo quanto depositato in Procura .

A sostenere questa iniziativa la perizia di quattro Scienziati: l’infettivologo dr. Fabio Franchi, Stefano Montanari (chimico farmaceutico ed esperto in nanotossicologia), Antonietta Gatti e lo stesso Stefano Scoglio. La denuncia è contro ignoti ma i mandanti sono facilmente identificabili.

Dopo il TAR del Lazio, che ha già sconfitto Zingaretti sull’obbligo vaccinale nella Regione, vediamo cosa ne pensa la Procura.

I fatti ed i documenti :

Dopo aver appurato, da un documento della Commissione Europea e da uno dell’Istituto Superiore di Sanità , che dichiaravano come i tipi di tampone circolanti in Europa al 16 Maggio 2020 erano 78, nessuno dei quali autorizzato, valutato o validato; e la gran parte dei quali privi anche della dichiarazione delle sequenze geniche contenute, si è deciso di approfondire l’anomalia:

  • per stessa ammissione del Center for Disease Control americano e del Gruppo di Lavoro Covid della Commissione EU, il virus SARS-Cov2, presunto responsabile del Covid, non solo non è mai stato isolato fisio-chimicamente, ma anche i liquidi patogeni usati come modello per il sequenziamento genico non avevano nessuna titolazione del virus, il che implica che in tali liquidi erano contenute miliardi di altre particelle simil-virali (incluse le non patogeniche vescicole extracellulari naturalmente presenti nel nostro organismo), e che dunque, non esiste a tutt’oggi nessun marker specifico del virus, e dunque nessuno standard che possa rendere i tamponi affidabili.
  • I tamponi attualmente circolanti, oltre 100, sono esentati dai controlli previsti dalla legge europea sui dispositivi medici del 1997; e però non sono ancora assoggettati alla nuova norma europea del 2017, che entrerà in vigore solo nel Maggio 2022; vivendo così in un limbo normativo che rende i produttori liberi di far circolare qualsiasi tipo di dispositivo senza nessun controllo; e ciò nonostante, è sulla base di questi tamponi che si è instaurato e si continua a voler instaurare un devastante lockdown economico-sociale.
  • Ci sono numerosi studi che parlano di continua mutazione del virus, e le stesse autorità sanitarie riconoscono che se il virus continua a mutare i tamponi diventano inutili. Ci sono quasi 150.000 diversi sequenziamenti del virus presso la banca dati dei virus GISAID;
    erano 70.000 ad Aprile; e continuano a crescere, perché si trovano sempre nuove mutazioni, e ciò rende i tamponi circolanti del tutto inutili.
  • Esiste inoltre un problema sostanziale legato alla metodologia utilizzata nei tamponi, la RT-PCR. Come sottolineano i massimi esperti di questa metodologia, per funzionare correttamente tale metodologia idealmente dovrebbe utilizzare tra i 20 e i 30 cicli di PCR;
    idealmente non si dovrebbero superare i 30 cicli, e assolutamente mai i 35 cicli, perché sopra tale soglia la PCR inizia a creare sequenze del tutto casuali. Ebbene, come confermato anche da un documento dell’organizzazione FIND (che è allegato alla denuncia), quasi tutti i tamponi superano i 35-40 cicli di media, e sono dunque da considerare del tutto inefficaci e produttivi di falsi positivi.
  • Da ultimo, come spiegato in un recente documento dell’Istituto Superiore di Sanità, l’efficacia dei tamponi dipende da 3 fattori: la sensibilità, la capacità di rilevare la presenza di RNA, la specificità, la capacità di limitare tale RNA a quello specifico del virus che si cerca; e la prevalenza, ovvero la presenza della patologia virale nella popolazione. Questo perché maggiore è la prevalenza, maggiore è la circolazione del virus, e dunque maggiore è la possibilità di rilevarlo. Ad oggi, la prevalenza in Italia, che nelle vere pandemie può arrivare anche al 30% della popolazione, è allo 0.1%; e anche se aumentasse di 10 volte sarebbe sempre un livello di prevalenza irrisorio; il che significa, in base ad una tabella della autorevole organizzazione internazionale FIND ripresa dall’ISS, che i tamponi di media performance, in Italia, producono attorno all’85%-90% di falsi positivi.
    Per tutte queste ragioni, si ritiene che proseguire nell’utilizzo dei tamponi per determinare quarantene individuali o di gruppo, e per imporre limitazioni e lockdown, dalle scuole alle imprese alle famiglie, è pratica senza nessun fondamento scientifico, e dovrebbe cessare immediatamente.

 

SE AVETE DESIDERIO DI NON SOTTOPORVI A TAMPONI O SEMPLICEMENTE RITENETE

CHE LA LIBERTA’ PERSONALE SIA SUPERIORE ALLA PRESUNTA PANDEMIA

( presunta perchè da molte parti giungono pareri contrari)

 

 

Vi metteremo a disposizione un legale per presentare la vostra denuncia  e rifiutarvi di sottoporvi ai test fino ad esito delle indagini ed eventuale condanna del colpevole.

La denuncia è gratuita perchè i diritti di tutti vanno difesi.

 

 

documenti visionabili:

ISS-Covid-tests-Part-2-https-www.epicentro.iss_.it-coronavirus-pdf-rapporto-covid-19-46-2020

FIND-evaluation-update-SARS-CoV-2-molecular-diagnostics-FIND

CDC-swab-panel-https-www.fda_.gov-media-134922-download

EU-test-validation-in-Working-document-test-performance-16-April-2020

Perizia-firmata

 


Volete maggiori informazioni?

Mail – info@avvocatoinfamiglia.com
Numero verde (09:00-12:00- 15:00-17:00) – 800 134 008 
WhatsApp (orario continuato) – 3388310374


Seguiteci su tutti i Social!


Avete bisogno di aiuto ? Chiamate un avvocato Etico.

  • Contatti
  • Oggetto
  • Vi ricontattiamo
  • Dati personali

Inserite i vostri dati di contatto

Email

Telefono

Raccontateci la vostra storia

Argomento

Come possiamo aiutarvi?

Scegliete la vostra preferenza

Come preferireste essere ricontattati?

Che urgenza avete?

Inserite i vostri dati (facoltativo)

Nome

Cognome

Città / Paese