Termini per opposizione al decreto ingiuntivo

 

decreto ingiuntivo casa debiti mutuo

Il debitore del decreto ingiuntivo può opporsi all’ingiunzione di pagamento entro quaranta giorni, a meno che il termine non sia ridotto o aumentato. Vediamo quando e come fare… 

Il nostro ordinamento consente, a chi vanta un credito, di agire il tribunale per ottenere la tutela delle proprie ragioni. Fin qui, nulla di nuovo. In determinati casi, la legge consente al creditore di recuperare le somme o i beni che gli spettano avvalendosi di un procedimento più veloce di quello tradizionale. Il procedimento sommario d’ingiunzione (ovvero il decreto ingiuntivo). Si tratta di una speciale procedura che consente di ricorrere al giudice e di ottenere direttamente da quest’ultimo il titolo (cioè il decreto) con il quale far valere la propria pretesa. Contro il provvedimento del giudice, però, è ammessa l’opposizione del debitore. Vediamo allora quali sono i termini per opposizione a decreto ingiuntivo.

 

Decreto ingiuntivo: conoscerlo per difendere la famiglia 

Il decreto ingiuntivo è il provvedimento emesso dal giudice su ricorso del creditore.

Quando una persona ritiene di essere creditrice di un’altra, e il suo diritto è provato per iscritto, può chiedere direttamente al tribunale che il suo diritto venga riconosciuto con un provvedimento. Una volta definitivo, diverrà idoneo titolo esecutivo per agire anche coattivamente nei confronti del debitore.

Questo procedimento (definito sommario) sta nel fatto che il provvedimento è emesso dal giudice in assenza di contraddittorio. In altre parole, il debitore non verrà minimamente interpellato, trovandosi davanti ad un decreto senza che abbia potuto fare nulla.

Questo, però, non significa che egli non abbia la facoltà di difendersi. È qui che entra in gioco l’opposizione a decreto ingiuntivo.

 

Ecco  i termini per opposizione a decreto ingiuntivo

Secondo la legge, il debitore a cui sia stato notificato il decreto ingiuntivo può proporre opposizione entro quaranta giorni dalla notifica stessa. Come si fa opposizione? Mediante un atto di citazione da notificare al creditore che ha promosso l’ingiunzione di pagamento.

Ed ecco la seconda anomalia del procedimento per ingiunzione. Una volta verificatasi l’opposizione, si aprirà un giudizio ordinario. Qui il convenuto dovrà dimostrare il suo diritto di credito, mentre l’attore dovrà resistere sconfessando le pretese della controparte. Accade, cioè, tutto il contrario di ciò che avverrebbe in un normale giudizio, ove è l’attore a vantare una pretesa, da dover dimostrare, nei confronti del convenuto.

Nel procedimento che si instaura a seguito di opposizione a decreto ingiuntivo, invece, accade proprio l’esatto contrario. L’attore-opponente contrasta la pretesa creditoria del convenuto-opposto, il quale è tenuto a dimostrare il suo diritto.

 

Quali sono i termini ridotti per opposizione a decreto ingiuntivo

Eccezionalmente, l’ordinario termine di opposizione al decreto ingiuntivo di quaranta giorni può essere ridotto oppure aumentato. Secondo la legge, quando concorrono giusti motivi, il termine può essere ridotto sino a dieci giorni oppure aumentato a sessanta. Quali sono i giusti motivi?

Il codice di procedura non fornisce alcun esempio a riguardo: ciò che è certo, è che il giudice deve motivare la scelta di ampliare o contrarre gli ordinari quaranta giorni di tempo utili per proporre opposizione. Soprattutto nel caso di riduzione a dieci giorni, che comporterebbero una vera e propria “corsa” del debitore allo studio del proprio avvocato per proporre opposizione.

Secondo la Corte di Cassazione, i motivi che consentono al giudice di ridurre o aumentare il termine entro il quale il debitore può proporre opposizione al decreto ingiuntivo, devono essere sempre enunciati nel provvedimento.

Un giusto motivo per chiedere al giudice la riduzione dei termini può essere il timore che il debitore diventi definitivamente insolvente. Si pensi, ad esempio, al creditore che ha saputo che il suo debitore sta in qualche modo privandosi di ogni bene, oppure che altri creditori stanno agendo contro di lui. Il rischio è che, non agendo tempestivamente, il creditore non trovi nulla su cui soddisfarsi.

Se, invece, il debitore risiede in uno degli altri Stati dell’Unione europea, il termine è di cinquanta giorni, con possibilità di riduzione fino a venti giorni. Se l’intimato risiede in altri Stati, il termine è di sessanta giorni e, comunque, non può essere mai inferiore a trenta né superiore a centoventi. In questo caso, l’allungamento dei termini è giustificato dalla mera distanza geografica e dalla maggiore difficoltà del debitore di poter proporre opposizione in tempi brevi.

SE AVETE SUBITO UN DECRETO INGIUNTIVO DOVETE CORRERE

SE SEGUITE LE NOSTRE INDICAZIONI IL DECRETO INGIUNTIVO LO POTETE EVITARE

La miglior causa è quella che non si fa!

 

Hai paura del recupero credito? Hai paura della banca? Pensiamo a tutto Noi con la DIFESA CONDIVISA.

Grazie all’accorodo Nazionale Etico i nostri avvocati non possono chiedere una parcella superiore ai minimi tariffari. E solo alla conclusione delle attività.

Essere un associato di avvocato in famiglia è un valore aggiunto la difesa condivisa è solo merito di chi ci ha dato fiducia in questi anni.

Temi un pignoramento?

Volete eseguirla personalmente senza pagare professionsiti?

Scrivete a SOS@AVVOCATOINFAMIGLIA.COM

Avvocato In Famiglia è pronto ad aiutarvi (e a stare dalla vostra parte!).

 

 Hai bisogno urgente?

Utilizzata il sistema gratuito di WhatsApp per contattarci.

338 -83 103 74  e richiedi la video conferenza.