Ottimo risultato ottenuto dalla Direzione Legale

che in poco più di 6 mesi ha cancellato per sempre

una situazione che si trascinava da anni.

I fatti in breve: 
Una Famiglia come tante altre, Lei piccola imprenditrice, ha richiesto l’Estratto di Ruolo allo sportello dell’ADER per capire se e come rottamare le cartelle ma  l’Agenzia delle Entrate Riscossione ( il nuovo nome modificato della equitalia spa)   stava imponendo il pagamento di somme oramai datate, insomma prescritte. La prescrizione è rilevabile da questo articolo  (leggi qui) ma pur essendo un diritto deve essere eccepito.
Senza la vostra azione non avete tale diritto .
Purtroppo la sola strada che consigliano i ” furbetti  allo sportello ” pagati a provvigione , ergo i dipendenti della ex-equitalia, è la richiesta di rateizzazione. Persino quando un cittadino osserva che la cartella è prescritta negano persino tale evidenza.
Per loro,  ci ripetiamo pagati a percentuale sul denaro recuperato dalle Famiglie , quindi legittimiamo le affermazioni del Ministro Salvini, ” le famiglie sono ostaggio di equitalia ” . non esiste rispetto della legge relativa alla prescrizione. 
Grazie allo scambio di informazioni in rete, non certo dall’informazione della stampa del potere ( televisioni in primis) abbiamo  capito tutti che esiste una strada alternativa alla rottamazione e quindi si è presentato ricorso nel caso in oggetto. 
Il Giudice del Tribunale del Lavoro di Milano ha deciso pochi giorni orsono dichiarando  prescritte tutte le cartelle.
UNA FAMIGLIA IN MENO  OSTAGGIO DELL’ AGENZIA DELLE ENTRATE E RISCOSSIONI ( ex equitalia) 
Il 30 Aprile 2019 scadranno i termini per il SALDO E STRALCIO delle cartelle ( non tutte ) esattoriali. 
PRIMA DI PAGARE CONTROLLATE L’ESTRATTO DI RUOLO.
POTRESTE AVERE UNA FELICE SORPRESA
Volete un controllo gratuito ( riservato ai soli iscritti ) dell’estratto di ruolo?

IOAGISCO@AVVOCATOINFAMIGLIA.COM

IMPARATE A DIFFONDERE LE NOTIZIE TRA IL POPOLO SCAVALCANDO LA STAMPA DEL POTERE  CHE CI
VUOLE UBBIDIENTI E SOPRATTUTTO  SENZA DIRITTI.
CONDIVIDERE L’INFORMAZIONE IN RETE NON COSTA NULLA E FA DEL BENE AGLI ALTRI .