Malasanità: l’Italia ha il triste primato

L’evoluzione tecnico-scientifica sembra non aiutare ad abbassare le morti a causa della malasanità. Secondo il Rapporto Osservasaluta nel 2003 le cifre si aggiravano attorno ai 18mila, aumentati poi fino a 49mila nel 2016. E chi sembra avere il primato in Europa? L’Italia, certo, con il 30% sul totale delle morti  registrate nei 28 paesi dell’Unione Europea. La maggior parte dei decessi colpisce gli over75 (quasi 37 mila).

 

Walter Ricciardi, direttore dell’osservatorio sulla salute, ha dichiarato:

C’è una strage in corso, ma il fenomeno viene sottovalutato e considerato ineluttabile”, ha detto Walter Ricciardi, direttore dell’Osservatorio sulla Salute. Abbiamo osservato il fenomeno per anni e oggi possiamo dirlo: quella delle sepsi in ospedale è una vera emergenza, con numeri più che raddoppiato in pochi anni. Eppure non si interviene come si dovrebbe, per esempio applicando il piano nazionale contro l’antibioticoresistenza che è rimasto lettera morta. Abbiamo studiato questo fenomeno per tre anni, ora possiamo parlare di emergenza nazionale: il Piano nazionale di contrasto alla resistenza agli antibiotici c’è, ma è rimasto sulla carta. Occorre intervenire per contrastare efficacemente un problema davvero insidioso, che ormai è diventato un’emergenza nazionale”.

La situazione risulta dunque drammatica per la malasanità in Italia.

 

Una domanda spontanea di un cittadino qualsiasi.

Ma se abbiamo MILIONI DI EURO ( pagati dagli Italiani alle società farmaceutiche) per vaccinare bambini ed adulti, come mai non spendiamo altrettanto denaro per migliorare la qualità degli Ospedali?  

Articolo Repubblica

La Stampa

Libera scelta

 

Una risposta quasi banale

Ma allora la crisi Europea serve solamente a generare profitti ai Ricchi ed impoverire ancora di più i poveri perchè mentre la sanità pubblica crolla la sanità privata aumenta i suoi fatturati. 

Siete certi che l’Europa sia democrazia e non un trucco di alcuni Miliardari per governare al posto dei politici? 

Fonte: Mobinews 

Coinvolti in un caso di malasanità?

malasanita@avvocatoinfamiglia.com

Numero verde

WhatsApp


Seguiteci anche su Facebook

ISCRIVETEVI ALLA NEWSLETTER

Confermo di aver letto l'informativa privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali nel rispetto della legge di cui al GDPR 2018, R.E. 679/2016.