PIGNORAMENTO ?

ACCORDO DI SALDO E STRALCIO

RAGGIUNTO UGUALMENTE

 

IL DIALOGO CON LE BANCHE E’ ORAMAI L’ARMA VINCENTE 

Negli anni alla nostra Associazione sono arrivate richieste da centinaia di Famiglie  nei guai con le banche , famose per essere rigide nella riscossione dei propri crediti. 

La nostra Forza siete Voi che numerosi ci regalate la vostra fiducia. Senza di Voi nessuno di Noi avrebbe tale impatto contrattuale. Le banche sono sempre più felici di avere un interlocutore che conosce le procedure. Velocità per tutti. 

 Abbandonare i debiti è possibile ma serve CORAGGIO DI AGIRE.  Tutte le richieste di aiuto sono state gestite ottimamente dalla Direzione Legale Etica che ringraziamo sempre anche per l’Umanità e la solidarietà che dimostrano ai Nostri iscritti.  Nemmeno le banche vogliono più perdere tempo per andare in tribunale, preferiscono accordarsi e concedere un saldo e stralcio utile ad entrambi. Il modo migliore per uscire da un debito che non riusciamo a pagare è quello di trovare un avvocato esperto in diritto bancario ed esdebitazione. Se non lo trovate o non potete permettervelo ci penserà la nostra Associazione che segue una procedura Anglosassone denominata ” Class Action”.

Nel caso qui in calce allegato una sonora ” tirata d’orecchie” alla Fam figlia che ha atteso il PIGNORAMENTO che attivarsi. Purtroppo più tardi ci si ricorda di avere dei diritti e meno denaro si risparmia.  Ma anche con il pignoramento abbiamo concluso una soddisfacente trattativa. 

Ecco la documentazione a vostra disposizione.

LEGGETE COME LA NOSTRA ASSOCIATA È USCITA DAL DEBITO
CLICCATE SULLE IMMAGINI

L’unico errore?  Attendere . L’attesa porta in Tribunale 

Contattateci per saperne di più!

sos@avvocatoinfamiglia.com

Numero verde

(orario 9:00-12:00- 15:00-17:00)

WhatsApp

orario continuato 18/24


Seguiteci su tutti i Social!

ISCRIVETEVI ALLA NEWSLETTER, L’INFORMAZIONE È L’ARMA PER DIFENDERSI

Confermo di aver letto l'informativa privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali nel rispetto della legge di cui al GDPR 2018, R.E. 679/2016.