Quando la polizia può controllare il cellulare e quando non è lecito? La Legge sulla Privacy aiuta a tutelare tutti i contenuti del tuo smartphone. Rivelare le nostre informazioni personali potrebbe essere scomodo e avere delle conseguenze, anche se non stiamo facendo nulla di illegale. I dati contenuti nel nostro cellulare non possono essere fruiti da terze persone senza il nostro permesso. Ma per quanto riguarda le forze dell’ordine? Come funziona?

Quando la polizia può controllare il cellulare?

Innanzitutto polizia e carabinieri devono avere un valido motivo per sequestrare un cellulare, ovvero deve esserci un pericolo per la sicurezza pubblica, un ordine emesso dal giudice. Nei casi di emergenza le forze dell’ordine chiederanno un provvedimento urgente al p.m. che verrà emesso entro 48 ore. Serve dunque SEMPRE un provvedimento del giudice o del p.m. per farlo, non possono fermarti in auto la sera e, oltre ai controlli di routine, sequestrarti anche lo smartphone. 

MA ATTENZIONE: in caso di ESTREMA URGENZA possono sequestrarlo comunque. Stessa cosa se stanno compiendo un arresto.

Se la polizia non ha nessun decreto da mostrarci ma afferma che ci sia una situazione di ESTREMA URGENZA come detto qua sopra, e noi ci rifiutiamo di consegnare il nostro cellulare possiamo incorrere nel reato di resistenza a pubblico ufficiale.

sos@avvocatoinfamiglia.com

Numero verde

WhatsApp


Seguici anche su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER, L’INFORMAZIONE È L’ARMA PER DIFENDERSI

Confermo di aver letto l'informativa privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali nel rispetto della legge di cui al GDPR 2018, R.E. 679/2016.