Arriva la truffa delle false multe:

Ecco come riconoscerle

false multe

Dopo le cartelle esattoriali errate ecco arrivare un nuovo allarme per i cittadini, ovvero le false multe. Ecco di che cosa si tratta.

 

I verbali e le multe false sono un problema che tormenta i cittadini di tutto il mondo. Ormai da anni. Rendendo la vita degli automobilisti sempre più dura (come se le multe selvagge e i metodi di ricorso non fossero già abbastanza).
Dalla Croazia è arrivata in Italia una nuova truffa riguardante le multe. Scoperta grazie al grandissimo numero di segnalazioni che le autorità stanno ricevendo da automobilisti che si sono visti arrivare delle multe decisamente sospette.

 

Le false multe

La nuova truffa delle multe finte è molto subdola. Questa si basa sulla poca attenzione del ‘multato’, che, ricevendo il verbale, talvolta presta poca attenzione ai dettagli e alle informazioni presenti sul foglio.
Ad esempio, molti si concentrano sul modello di auto, oppure sul tipo di infrazione e la via in cui è stata commessa, ma non prestano attenzione al numero della targa.

Inoltre le nuove finte multe arrivano con una raccomandata che imita in tutto e per tutto quelle dei comuni italiani, ma ha come mittente la Croazia.
Nella busta sono inclusi anche un invito a saldare la multa tramite un bonifico corredato di nomi di notai e avvocati che rendono la truffa ancora più credibile.

Per ora le finte multe della nuova truffa arrivano in merito a infrazioni riguardanti soste non pagate sulle strisce blu, ma è possibile che ne arriveranno di altre tipologie.

 

Non restate a guardare e imparate ad agire e difendervi.

Nel caso doveste ricevere una  multa proveniente da qualsiasi paese della Comunità Europea

contattate il nostro servizio di verifica truffe scrivendo aMULTA@AVVOCATOINFAMIGLIA.COM

Ecco i risultati ottenuti.

Clicca qui 

volete saperne di più ?  

scrivete a :  

IOAGISCO@AVVOCATOINFAMIGLIA.COM

Numero verde

(orario 9:00-12:00- 15:00-17:00)

WhatsApp

orario continuato 18/24


Seguiteci su tutti i Social!

ISCRIVETEVI ALLA NEWSLETTER, L’INFORMAZIONE È L’ARMA PER DIFENDERSI

Confermo di aver letto l'informativa privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali nel rispetto della legge di cui al GDPR 2018, R.E. 679/2016.