SEGNALARE IN BANCA DATI È PARAGONABILE

AD UN SISTEMA DI ESTORSIONE E RICATTO ? 

 

GRANDE RISULTATO OTTENUTO DALL’ASSOCIAZIONE !

VOI COSA ASPETTATE, RESTATE SCHIAVI O AGITE? 

RIBELLARSI COSTA FATICA MA CHE SODDISFAZIONI.

Ecco gli accadimenti:

Segnalazione come cattivo pagatore? Ecco una delle soluzioni  low cost di Avvocato in Famiglia.
Racconto la vicenda di un assistito, vittima della segnalazione di “cattivo pagatore”, che non potendo più accedere al credito si è visto ripetutamente negata la possibilità di richiedere mutui e piccoli finanziamenti.

RISULTATO: mediante istanza all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF), ha ottenuto la cancellazione della segnalazione negativa dalla banca dati e ha ristabilito completamente la reputazione finanziaria del cliente.

Costo dell’azione per l’associato? 20 EURO !!

Ecco di seguito riportato  la decisione dell’ABF, che dopo aver esaminato il caso, ha accolto il ricorso e ha disposto la cancellazione della segnalazione, ritenuta illegittima, in quanto non preceduta dall’invio al cliente del previsto preavviso di segnalazione. Ricordate chi ha l’obbligo di regolare notifica???

DOMANDATEVI ADESSO:

Avete mai ricevuto una regolare notifica preannunciando la prossima iscrizione? Io affermo che mai le banche eseguono notifiche regolari! Sanno solo che VOI TUTTI restate senza difesa a causa dei costi della Giustizia Italiana.

O restate schiavi moderni o fate qualcosa, e Noi di Avvocato in Famiglia sappiamo cosa fare .

La Legge ve lo permette!

CLICCATE SULLE IMMAGINI PER LEGGERE!

 

banca-dati-1

Segnalati in banca dati ? Volete verificare cosa risulti a vostro nome ?

Ecco i risultati ottenuti.

Clicca qui 

volete saperne di più ?  scrivete a :  

IOAGISCO@AVVOCATOINFAMIGLIA.COM

Numero verde

(orario 9:00-12:00- 15:00-17:00)

WhatsApp

orario continuato 18/24


Seguiteci su tutti i Social!

ISCRIVETEVI ALLA NEWSLETTER, L’INFORMAZIONE È L’ARMA PER DIFENDERSI

Confermo di aver letto l'informativa privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali nel rispetto della legge di cui al GDPR 2018, R.E. 679/2016.