La soluzione alla crisi delle Famiglie è uscire dai debiti

DEBITI = SCHIAVITU’ 

Riduzione debitoAncora un successo senza spese di tribunale!!

Riduzione debito da 10.371,29€  3.000€

SCONTO del 71,07 %.

Ecco copia dell’accordo 

Riduzione debito: ECCO I DIRITTI DEI DEBITORI UTILIZZATI IN QUESTO CASO.

  1. Pre-analisi del  prodotto  bancario atto a identificare eventuali  irregolarità presenti nel contratto 
  2. Notifica e contestazione alla controparte di tali anomalie  e blocco del pagamento delle rate (art. 1460 Cod. Civ.).
  3. Richiesta della documentazione tramite notifica ufficiale giudiziario di ogni documento (art. 119 del TUB)

 

Un’altra Famiglia ha ripreso a respirare grazie all’azione dell’avvocato Etico specializzato in esdebitazione che ringraziamo per aver ancora una volta evitato una costosa causa. 

GLI AVVOCATI ETICI ESISTONO ED IN QUESTI ANNI DI CRISI SONO INDISPENSABILI PER AIUTARE LE FAMIGLIE ORAMAI SENZA DENARO PER COLPA DELLA CRISI

Ottenere il proprio saldo e stralcio è assolutamente possibile. Anche le banche preferiscono accordarsi, se ” stimolate ” al punto giusto.

L’unico modo per ottenerlo è trovare un avvocato esperto in esdebitazione e non purtroppo rivolgendosi  ad  avvocati tuttofare. In questi tempi difficili serve solo la specializzazione per garantire un servizio efficiente. 

Ci basta guardare tutti i risultati ottenuti nel tempo per testimoniarlo.

L’importante è agire d’anticipo , e questo richiede coraggio,  perché le banche non si dimenticano dei nostri debiti.

Uscire dalla crisi con pochi denari è possibile.

Avvisate altre Famiglie condividendo in rete questo articolo che la soluzione esiste.

VOLETE CHIUDERE I DEBITI

E VOLETE ADERIRE AL SALDO E STRALCIO?

FATEVI AIUTARE DAGLI AVVOCATI ETICI SPECIALIZZATI

sos@avvocatoinfamiglia.com

Numero verde

WhatsApp


Seguiteci anche su Facebook

ISCRIVETEVI ALLA NEWSLETTER, RIMANETE INFORMATI!

Confermo di aver letto l'informativa privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali nel rispetto della legge di cui al GDPR 2018, R.E. 679/2016.