ARERA ha comunicato i dati relativi alle bollette per il IV trimeste dell’anno e, a differenza del trimestre precedente, le variazioni risultano in negativo per gli utenti: un aumento del gas del +11,4% e un aumento della luce del +15,6%. Le famiglie in tutela vedranno quindi un aumento nelle future bollette.

 L‘Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ha comunicato che in questo quarto trimestre (ottobre, novembre e dicembre 2020) i costi dell’energia elettrica e del gas subiranno un considerevole aumento in bolletta. Queste oscillazioni sono diretta conseguenza della ripresa delle attività economiche e dei consumi, il cosiddetto rimbalzo dei prezzi dell’energia che tornano a livelli molto vicini a quelli precedenti al Coronavirus. 

I DATI GENERALI

La comunicazione del 29 settembre dell’Authority ha quindi evidenziato un ulteriore variazione rispetto alle novità del terzo trimestre, che portavano un calo del gas del -6,7% e un aumento della luce del +3,3%, percentuale quest’ultima ad impatto minimale sulle bollette delle famiglie.Dopo il crollo dei prezzi nei mercati dell’energia nella fase più acuta dell’emergenza Covid, la ripresa dei consumi energetici (a conferma della ripartenza dell’economia in Italia) ha quindi portato un graduale rialzodelle quotazioni. L’effetto complessivo ha pesato maggiormente sul mercato di gas naturale e della CO2, riflettendosi di conseguenza anche sul mercato luce. Se il III trimestre 2020 vede un Prezzo Unico Nazionale (PUN) dell’elettricità pari a circa 42 €/MWh, il mese di settembre dovrebbe stabilizzarsi intorno ai 49 €/MWh, ovvero in linea con il livello dell’anno precedente. Stando ai dati dei mercati a termine, per il quarto trimestre dell’anno è previsto il mantenimento dei livelli correnti di prezzo.

Ecco spiegato perché la luce è in rialzo del 15,6%

Nel dettaglio, l’aumento del costo della bolletta luce è legato esclusivamente al rialzo della componente materia energia, con un impatto del +15,6% sul prezzo finale della famiglia tipo, questo scomponibile in +17,6% per effetto della voce energia (PE) e -2% legato alla voce di dispacciamento (PD). Restano invariati nel complesso gli oneri di sistema e le tariffe regolate di rete, quali trasmissione, distribuzione e misura.

Ecco perché il gas è in rialzo del 11,4%

Per quanto riguarda il gas naturale, l’andamento è determinato dall’aumento della componente materia prima (+12,1% sul prezzo finale della famiglia tipo), legato alle quotazioni attese dai mercati all’ingrosso nel prossimo trimestre, solo in parte controbilanciato da una diminuzione delle tariffe di trasporto e gestione del contatore (un impatto del -0,7% sul prezzo finale). Restano invece stabili gli oneri di sistema.

 

 

 

COSA ABBIAMO SCOPERTO SULLE BOLLETTE ACEA

( ma non solo quelle) 

 

Ecco cosa accaduto a  quattro famiglie di Torrice quando si sono viste recapitare le bollette dell’acqua che richiedevano il pagamento di ben 1.000 euro. Anticipiamo che tutto si è risolto senza nemmeno fare causa.

Attraverso i protocolli d’intesa esistenti tra associazioni consumatori e le varie società erogatrici di servizi, nel caso specifico ACEA si è attivato un RECLAMO. Tale reclamo è indispensabile per impedire azioni giudiziarie da parte dei gestori, indipendentemente che si trattino od luce /acqua /gas/telefonia.

In virtù del reclamo è emerso palesemente, come confermato dai tecnici esperti che, in effetti, c’era qualcosa che non andava, e quei consumi erano gonfiati. Il vecchio contatore  non funzionava bene, ed inoltre  arrivava una pressione eccessiva che sballava il conteggio – pressione arrivata a tale potenza a seguito di alcuni lavori che erano stati effettuati su una strada limitrofa.

Insomma, nella logica del ” chi sbaglia paga ” ACEA ha  provveduto ad annullare completamente le bollette e ricalcolati i consumi..

Segnaliamo a tutti coloro che ricevessero in futuro bollette ” gonfiate ” che è sempre un diritto contestare e non farlo è sempre un errore.

 

DIFFICOLTA’ A PAGARE LE BOLLETTE IN UN MOMENTO ECONOMCIO DIFFICILE ?  USEREMO IL NOSTRO PROTOCOLLO D’INTESA CON LE SOCIETA’ PER DILAZIONARE E RIDURRE IL DEBITO

 


Volete maggiori informazioni?

Mail – info@avvocatoinfamiglia.com
Numero verde (09:00-12:00- 15:00-17:00) – 800 134 008 
WhatsApp (orario continuato) – 3388310374


Seguiteci su tutti i Social!


Interveniamo in 24 ore . Ecco come chiedere aiuto.

  • Contatti
  • Oggetto
  • Vi ricontattiamo
  • Dati personali

Inserite i vostri dati di contatto

Email

Telefono

Raccontateci la vostra storia

Argomento

Come possiamo aiutarvi?

Scegliete la vostra preferenza

Come preferireste essere ricontattati?

Che urgenza avete?

Inserite i vostri dati (facoltativo)

Nome

Cognome

Città / Paese