UN NUOVO SERVIZIO ANTI-STALKER BANCARIO

Siete tormentati dalle telefonate del recupero crediti?

ATTIVATE LE DIFESE, RISPONDIAMO NOI PER VOI.

 

“Buongiorno, è il sig. Debitore Tal dei Tali ? Mi scusi il disturbo, sono la Dottoressa Pinco Pallino della società di recupero crediti  ACIDIDENTRO. S.r.l. e la contatto da parte della banca XY  S.p.A. per sollecitare il pagamento della rata del mese scorso. Che problemi ha avuto? Quando potrà pagare la rata? Mi può mandare copia del pagamento? Grazie, le auguro una buona giornata”.E questa è una telefonata “cordiale” ma le successive 60 chiamate non sono dello stesso tenore.  Spesso capita  che le telefonate del recupero crediti che ricevete hanno un tono molto più aggressivo e creano una serie di preoccupazioni e ansie che vanno oltre la legittima preoccupazione per il debito non pagato.

A volte capita, infatti, che il recuperatore si immedesimi troppo nel ruolo, non controlli il suo temperamento e violi alcune leggi.Da codice Penale !!!!   L’obiettivo è farvi sentire minacciati e ottenere “con la forza” il pagamento di qualche cosa. Deve portare a termine il suo incarico di riscossione crediti.

Troppo spesso le minacce funzionano, perché anche il debitore più in difficoltà sotto pressione fa di tutto per effettuare un pagamento  per togliersi di dosso la sensazione di pesantezza e di disagio determinata dalle tecniche di riscossione crediti più subdole. Noi abbiamo creato una struttura di  difesa del debitore al fine di ripristinare un corretto rapporto tra DEBITORE E CREDITORE. 

Le telefonate anonime di recupero crediti sono vietate

Le telefonate di recupero con numerazione non visibile, anonima, sconosciuta sono illegittime. Sono sanzionabili. Inoltre  il recupero crediti, oltre ad accertarsi che la persona con cui si sta parlando sia in effetti il debitore deve presentarsi e spiegare il motivo della telefonata.

Le telefonate ricevute da una voce registrata sono illegittime

Dietro una qualunque richiesta di pagamento non si deve celare una voce guida ma una persona reale che facendo il suo lavoro, nel bene o nel male, si assuma la responsabilità di ciò che sta dicendo e sia autorizzata a farlo.L’Autorità per la Privacy ha dato ragione più volte ai debitori che hanno segnalato di aver ricevuto telefonate pre registrate con solleciti di pagamento.Questo perché la telefonata pre registrata non garantisce l’accertamento dell’identità della persona che risponde alla chiamata, esponendo il debitore ad una violazione della privacy.

Le minacce di pignoramento o di sequestro dei beni sono illegittime

Gli addetti al recupero crediti non possono fornire informazioni false e ingannevoli solo per spaventare. In particolare, non possono minacciare azioni o iniziative legali sproporzionate, puramente fantasiose o semplicemente intimidatorie. Ne deriva che non possono minacciare telefonicamente azioni esecutive istantanee per farsi pagare un acconto sulla rata, tantomeno possono minacciare di ritorsioni in Centrale Rischi o in CRIF. L’informazione è ingannevole e serve solamente a mettere ansia.

Gli addetti al recupero crediti devono presentarsi

Avete  il diritto di conoscere tutti i riferimenti della persona con cui state parlando e della società per la quale lavora, incluso il numero di autorizzazione ministeriale. Gli operatori non possono rifiutarsi di rilasciare le proprie generalità, impedendo di conoscere la propria identità.Avete tutto il diritto di conoscere nome e cognome della persona che vi sta contattando e il nome della società di recupero crediti dalla quale  sta chiamando, nonché il numero di autorizzazione ministeriale a svolgere l’attività di recupero crediti.Non fornire la proprie generalità o fornirle false è illegittimo e il comportamento scorretto è sanzionabile.

Il recupero crediti non può telefonarti ad ogni ora

Gli addetti delle società di recupero crediti non possono telefonare in orari irragionevoli e quindi per esempio, non possono chiamare alle 6 di mattina oppure alle 9 di sera.Allo stesso modo non possono chiamare con una frequenza eccessiva. Una o due volte a settimana può essere più che sufficiente per ricordare l’esistenza di importi scaduti. Oltre è sanzionabile.

Non possono chiamare soggetti diversi dal debitore per avere informazioni

Gli addetti delle società di recupero crediti che vi  cercano in azienda chiedendo informazioni non possono farlo. Non possono chiedere informazioni a soggetti diversi dal titolare del debito rivelando le ragioni di tale necessità e non possono fare affermazioni o mettere in atto comportamenti che rischiano di ledere la vostra reputazione.

Non possono iscrivere il vostro nominativo in banca dati

Spesso le società di recupero crediti minacciano l’iscrizione del debitore nella banca dati della CRIF o in Centrale Rischiper cercare di fargli pagare qualcosa.  Questa minaccia, oltre ad essere illegittima (perchè è una minaccia) è anche una falsità. Premesso che  gli unici debiti segnalabili in SIC  o in Centrale Rischisono quelli con banche o finanziarie ricordiamo che i  debiti commerciali e quelli per imposte non sono soggetti a segnalazione nelle banche dati finanziarie. Il recupero crediti non può segnalare nulla in nessuna banca dati utilizzata dal sistema finanziario. Tantomeno può segnalare insoluti relativi a contratti con società telefoniche, elettriche, del gas, ecc.

Prendete in mano la situazione e riprendete in mano la vita.

ATTIVATE IL SERVIZIO E SAREMO NOI A GESTIRE LE TELEFONATE

DELLE SOCIETA’ DI RECUPERO CREDITO

 

Cosa prevede il servizio reso gratuitamente ai nostri iscritti :

  1. Ad ogni telefonate che riceverete dovrete rispondere indicando i riferimenti del  legale assegnatovi e  che assicurerà l’identificazione dei soggetti che vi hanno chiamato / disturbato.
  2. dovrete fornirci tutti i recapiti telefonici che vi hanno disturbato tempo per tempo. Procederemo alla identificazione.
  3. Dovrete segnalarci ogni tipo di disturbo a casa, sul lavoro, dai vicini etc

Attraverso la nostra procedura smetteranno

di disturbarvi definitivamente .