SALDO E STRALCIO RIDUZIONE DEBITO

Come ottenere la riduzione del debito con la banca.

 

Il saldo e stralcio è un accordo tra debitore e creditore sul pagamento del debito. 

In un clima di generale difficoltà finanziaria, una delle problematiche più diffuse riguarda la negoziazione dei debiti con banche e finanziarie. In proposito, uno degli strumenti più efficaci per debitori e creditori per uscire dall’esposizione debitoria è quello del saldo e stralcio. Ma il saldo e stralcio è ancora più bello se notificate alla banca di aver trovato una enorme anomalia bancaria!

 

Saldo e stralcio: Cos’è?

In caso di esposizioni debitorie il saldo e stralcio si rivela uno strumento efficace che permette di chiudere un debito con una somma inferiore rispetto all’importo originario. Il saldo e stralcio consiste in una transazione attraverso la quale le parti interessate risolvono in via bonaria il rientro del debito.

Da una parte una riduzione delle somme residue che il debitore deve corrispondere alla banca/società finanziaria, e dall’altra la soddisfazione più rapida delle ragioni del creditore.

Il saldo e stralcio in sostanza ha alla base un debito non pagato. Il creditore rimasto insoddisfatto può scegliere se intraprendere la strada dell’esecuzione forzata (nei casi in cui il debitore abbia qualcosa da aggredire), oppure quella di accettare un pagamento in misura ridotta rispetto al debito originario.  

Il pagamento a saldo e stralcio è di norma eseguito in un’unica soluzione, ma nulla osta a che le parti si accordino per un pagamento a saldo e stralcio che sia dilazionato nel tempo.

 

Saldo e stralcio: Un esempio

Pensiamo ad una famiglia che ha maturato un debito con una banca per un importo di 100mila euro. La banca, di fronte all’inadempimento, può agire esecutivamente attraverso il pignoramento. In questo caso affronta ulteriori spese ed è conscia di intraprendere una procedura lunga. Ecco dove si nasconde la magia degli avvocati che collaborano con l’Associazione Avvocato in Famiglia, che sono preparati per ‘consigliare alla banca’ di non andare in un tribunale. Potrebbe essere pericoloso per la banca, visti i contratti oggi in circolazione. Spesso accettano un’offerta di saldo e stralcio, che sarà maggiore tanto più saranno le contestazioni.

 

Saldo e stralcio: Quando possiamo chiederlo

Non esiste un termine ultimo per chiedere alla banca di concludere un accordo di saldo e stralcio. Gli avvocati dell’associazione hanno grande esperienza nell’aver interrotto la vendita della casa all’asta, trovando un accordo a saldo e stralcio. Anche dopo l’avvio di un procedimento espropriativo il debitore può avanzare una proposta di definizione a saldo e stralcio se, ad esempio, vuole evitare la vendita all’asta dell’immobile nel caso di un pignoramento.

Saldo e stralcio: Riduzione debito

Con la transazione a saldo e stralcio, debitore e creditore soddisfano le reciproche pretese e si impegnano a non pretendere l’uno dall’altro alcunché, in relazione a quello specifico rapporto. Il debitore si impegna a pagare la somma concordata e il creditore libera il debitore dal suo debito. Una volta raggiunto e definito l’accordo stragiudiziale a saldo e stralcio del debito, è sempre opportuno verificare che la banca o la società finanziaria abbia provveduto alla rinuncia di possibili procedure giudiziali di recupero del credito. Ricordate sempre al vostro avvocato di richiedere la cancellazione dalla banca dati.

ANDATE  A VISIONARE I RISULTATI OTTENUTI CON IL SALDO E STRALCIO.

 ( RISULTATI) 

SI PUO FARE !!!

Tutto questo, ovviamente, senza fare causa!

Volete maggiori informazioni?

carta@avvocatoinfamiglia.com

Numero verde (orario 9:00-12:00- 15:00-17:00) 

WhatsApp orario continuato 24/24 


Seguiteci anche su Facebook

ISCRIVETEVI ALLA NEWSLETTER

Confermo di aver letto l'informativa privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali nel rispetto della legge di cui al GDPR 2018, R.E. 679/2016.