SKY NEL SACCO

DECRETO INGIUNTIVO ANNULLATO

Decreto ingiuntivo Sky – Lo abbiamo visto diverse volte come la multinazionale dell’intrattenimento Sky cerchi di approfittare di coloro che vogliono disdire l’abbonamento.

IL TRUCCHETTO LUCIFERINO DI SKY 

Il trucchetto ormai lo conosciamo a memoria e sono moltissime le persone che si rivolgono ad Avvocato in Famiglia per chiedere aiuto. Il gioco sta sempre nell’ormai odiato decoder. Coloro che vogliono revocare l’abbonamento sanno di dover pagare qualche penale e di dover restituire il decoder. Il problema è che non viene mai notificato dove l’apparecchiatura vada restituita. Il consumatore si trova dunque nella situazione di non poter restituirlo e qualche tempo dopo ecco che arrivano i decreti ingiuntivi di Sky. Ecco che chiedono cifre esorbitanti nonostante il consumatore, in tutto rispetto, quel dannato decoder voglia restituirlo. Meglio pagare le spese di una spedizione piuttosto che una penale salatissima, no? Penso che anche Voi lettori siate d’accordo con questa opinione.

DECRETO INGIUNTIVO SKY ANNULLATO: ECCO COME

Questa è stata proprio la storia di un nostro Associato che si è visto recapitare dei conti esorbitanti da Sky.

Ormai la nostra Associazione è abituata a questi casi, l’Associato è stato dunque messo subito in comunicazione con un Avvocato Etico che ha operato al suo posto e che è riuscito ad annullare quel debito insensato richiesto da Sky.

I consumatori devono capire che ci si può ribellare allo stra-potere delle multinazionali.

Si deve diffondere l’informazione

Bisogna difendersi!!

Pagare senza fiatare significa legittimare tale vergognoso comportamento !

Cliccate sull’immagine.

Per approfondire l’ARGOMENTO SKY ecco i nostri articoli, consigliamo fortemente la lettura:

Penale di mancata restituzione…BASTA!! 

Scriveteci e chiedeteci come non pagare!

sky@avvocatoinfamiglia.com

Numero verde

(orario 9:00-12:00- 15:00-17:00) 

WhatsApp

orario continuato 24/24 


Seguiteci anche su Facebook

ISCRIVETEVI ALLA NEWSLETTER, L’INFORMAZIONE È L’ARMA PER DIFENDERSI

Confermo di aver letto l'informativa privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali nel rispetto della legge di cui al GDPR 2018, R.E. 679/2016.