Recupero credito: ecco le regole da imparare. Il  vademecum da stampare e conservare a casa vostra.

Abbiamo detto basta. Ma basta per davvero.

Basta alle continue aggressioni alle Famiglie indebitate. 

Grazie alle regole del  Garante per la protezione dei dati personali (“scaricate il manuale”) vogliamo  nuovamente garantire alle Famiglie una difesa.

 Tocca a Voi tutti imparate le regole di comportamento che devono essere osservate per un corretto espletamento dell’attività stragiudiziale di recupero crediti da fonte contrattuale. Senza tale conoscenza sarete vittime.

Con il Vademecum, in linea con quanto disposto dal D.lgs. 196/03 (“Codice Privacy”), il Garante ha  ribadito la necessità di rispetto dei principi di liceitàcorrettezza e pertinenza del trattamento, che devono essere osservati sia nella fase di raccolta delle informazioni sull’interessato (debitore o garante), sia nel contatto con lo stesso.

 

Le regole del vademecum 

Il Codice Privacy tutela i dati personali degli interessati in quanto “persone fisiche” (vd. Art. 5 del Codice Privacy) e deve ritenersi che le regole del Vademecum debbano essere applicate  non solo per il debitore principale ma anche per l’eventuale garante.

Cosa non possono fare

Secondo quanto previsto dal Vademecum, le sollecitazioni al pagamento devono avvenire con modalità tali da essere portate a conoscenza del solo interessato (debitore moroso/garante) e da non esercitare indebite pressioni su quest’ultimo.

Sono vietatele  visite al domicilio o sul luogo di lavoro con comunicazioni ingiustificate a soggetti terzi (compresi familiari e vicini di casa) di informazioni relative al suo status di soggetto inadempient , oppure l’utilizzo di cartoline postali o invio di plichi recanti all’esterno la scritta “recupero crediti” o formule simili che rendono visibile a persone estranee il contenuto della comunicazione, oppure affissioni di avvisi di mora sulla porta dell’abitazione del debitore;

devono invece essere utilizzati plichi chiusi, senza scritte specifiche e che riportino all’esterno le sole indicazioni necessarie a identificare il mittente

Conseguenze per il mancato rispetto

Fermi restando i diritti di cui all’art 7 del Codice Privacy in capo agli interessati (ad esempio, il diritto di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento dei dati, o il diritto di richiedere la cancellazione dei dati acquisiti in violazione della legge) e ferme pure le sanzioni amministrative e penali connesse alla violazione del Codice Privacy, è opportuno tener presente che eventuali condotte di indebita pressione sul debitore possono integrare fattispecie ulteriori di reato quali molestia (art. 660 c.p.) e minaccia (art. 612 c.p.).

Volete ricevere gratuitamente il manuale? 

Cliccate qui.

Volete maggiori informazioni?  

Cliccate qui 

 


 

Mail – info@avvocatoinfamiglia.com
Numero verde (09:00-12:00- 15:00-17:00) – 800 134 008 ( solo da telefoni fissi) 
WhatsApp (orario continuato) – 3388310374


Seguiteci su tutti i Social!


Hai bisogno di aiuto? Lasciaci un messaggio e sarai ricontattato.

  • Contatti
  • Oggetto
  • Ti ricontattiamo
  • Dati personali

Inserisci i tuoi dati di contatto

Email

Telefono

Raccontateci la vostra storia

Argomento

Come possiamo aiutarti?

Scegli la tua preferenza

Come preferisci essere ricontattato?

Che urgenza hai?

Inserisci i tuoi dati (facoltativo)

Nome

Cognome

Città / Paese