Le fideiussioni bancarie sono tutte nulle. Ecco cosa dovete fare.

Lettera mai spedita al “caro amico” Direttore della banca 

 

Caro Amico / Direttore della filiale XXXX,

Ti ricordi quando mi parlavi tanto di Amicizia e di come insistevi a farmi aprire il conto della mia azienda presso la tua filiale? E ti ricordi i consigli “saggi e fraterni” che mi bisbigliavi su come investire i risparmi di una vita?  E ti ricordi, caro Amico Direttore, come insistevi nel farmi comprare quei titoli azionari o quella polizza assicurativa vantaggiosissima (per chi lo erano, l’abbiamo capito molto dopo)?

Ti ricordi quella “formalità” di sottoscrivere una fideiussione per garantire la banca sul fido “generosissimo” che mi avevate concesso? L’amicizia era davvero bella.

E ti ricordi  quando invece le cose sono cominciate ad andare male al tuo Amico, cioè io? Ti ricordi che ti ho chiesto di aiutarmi? Improvvisamente l’amicizia, quella che millantavi, era solamente a senso unico… Ti avevo chiesto di concedermi tempo, quel tempo che non hai voluto concedermi, ” perché rischio il posto” affermavi. Ma non eri mio amico? 

Io dovevo restituire i soldi ma tu non potevi proprio agevolarmi. Ma come, non eravamo amici? E quella volta che ti ho confidato di aver scoperto che la banca applicava anatocismo sui miei denari,  anzi tassi da usura, mi hai risposto: “Caro Amico… non vorrai fare causa alla banca? Si arrabbieranno con me in direzione, lascia perdere”. E quando, per via di quella formalità che mi avevi fatto sottoscrivere, la fideiussione, mi avete venduto la casa all’asta, preso i risparmi di una vita te lo ricordi, caro Amico? 

Ma dov’eri caro Amico Direttore, quando la banca mi ha messo per strada? Eri in casa Tua al caldo con la Tua Famiglia e mi ripetevi: “Caro amico mi spiace, non posso farci niente”.

Amico… amico… amico… 

Caro ex-amico, era meglio se non avessi fatto mai nulla e soprattutto non avessi “vomitato” la parola amico così tante volte.
Ho scoperto nel tempo che
sei banalmente un cameriere dei banchieri. Sei un semplice servo che ha distrutto la vita di imprenditori, pensionati e Famiglie per arricchire il tuo padrone. 


Il tuo amico a cui hai distrutto la vita 

 

Ora è venuto il momento di far valere i diritti dei debitori (qui)

Avete una qualsiasi fideiussione con il sistema bancario?  È carta straccia secondo la cassazione.

Questo è il dirompente risultato a cui è giunta la Cassazione con la sentenza n.29810 del 12 Dicembre 2017.

Gli esperti del settore bancario sanno bene che le Fideiussioni Omnibus fatte sottoscrivere ai correntisti sono tutte uguali e tutte da considerarsi nulle. Stranamente la pubblicità di questa ovvietà non è apparsa sui giornali, giornali che vivono di pubblicità. E chi paga le pubblicità? Basta aprire le pagine e vedere quante promo di banche  “sono clienti”. 

Tutte nulle perché il modello fornito dall’ABI è sbagliato.

Infatti lo schema contrattuale predisposto dall’ABI è applicato dalle Banche. Da qui l’atteggiamento degli Istituti di Credito, che da anni utilizzano tale campione e modello,  è contraria alla normativa antitrust (L. n.287 del 1990).

Questa normativa antitrust sanziona con la nullità (articolo n.2) tali intese tra imprese. Chiaro?
Non accettate l’invito dell’amico bancario a sostituire/aggiornare la fideiussione.

Perché i giornali/tv tacciono? 

La Cassazione aiuta il Correntista una volta tanto .

  1. Il consumatore, cioè il soggetto che ha sottoscritto la “fideiussione”, può avvalersi  della cosiddetta prova privilegiata ovverosia  non deve più provare la condotta anticoncorrenziale delle Banche, ma può basare la sua contestazione sull’accertamento effettuato dalla Banca D’Italia nel 2005 su parere dell’AGCM.
  2. Pertanto qualsiasi contratto/fotocopia di fideiussione basato sullo schema ABI è da considerarsi nullo nel suo complesso e quindi totalmente nullo.

Cosa fare adesso ?

Aiutateci a divulgare questa informazione a tutti gli imprenditori avvisandoli che le banche stanno chiedendo di modificare la fideiussione per evitare tale nullità e che possono avvalersi di una Consulta Legale Nazionale che è in grado preventivamente di confermare o meno se la loro fideiussione è valida agli effetti della legge oppure è semplice carta straccia.

Condividete in rete e informate commercianti, imprenditori piccoli, medi e grandi.
La direzione legale nazionale garantisce un servizio gratuito di verifica delle fideiussioni sottoscritte.

Potreste non dover restituire i soldi al tenero banchiere spedite in formato pdf il documento bancario a: fideiussione@avvocato in famiglia.com

In un Paese dove lo Stato protegge le multinazionali e le banche, i Cittadini si devono organizzare. 

Non dubitare mai che un piccolo gruppo di Cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità, è l’unica cosa che è sempre accaduta.
Imparate ad agire!


Volete maggiori informazioni?

Mail – info@avvocatoinfamiglia.com
Numero verde (09:00-12:00- 15:00-17:00) – 800 134 008
WhatsApp (orario continuato) – 3388310374


Seguiteci su tutti i Social!


Iscrivetevi alla newsletter: l’informazione è l’arma per difendersi!

Confermo di aver letto l'informativa privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali nel rispetto della legge di cui al GDPR 2018, R.E. 679/2016.