SALDO E STRALCIO: COME FUNZIONA

SALDO E STRALCIO: COME FUNZIONA

L’accordo a saldo e stralcio. Come pagare meno

denaro  alle banche ed alle finanziarie.

L’accordo a saldo e stralcio è la possibilità offerta dal sistema giuridico di estinguere il proprio debito nei confronti di una banca o di una società finanziaria pagando un importo inferiore a quello dovuto.

Debitore e creditore valutano insieme la reciproca convenienza a non prolungare una situazione negativa per entrambi:

  • per il debitore che stretto fra mille difficoltà economiche non ha la possibilità di pagare la somma dovuta e che per effetto degli interessi continua ad aumentare;
  • per il creditore che rischia di dover affrontare, se non siano già in corso, eventuali controversie giudiziali che non sempre gli garantiscono di entrare in possesso della somma dovuta.

L’accordo, che da un punto di vista giuridico è una normale transazione, può essere proposto dal debitore sia prima dell’inizio di un percorso giudiziale che durante una controversia prima dell’emissione della sentenza.

Non esiste una percentuale minima stabilita, ma è prassi che il creditore valuti la proposta anche in base ai rischi della causa e della solvibilità del debitore.  ( approfondisci)

Nelle migliaia di casi trattati in questi anni è risultato determinante  avere notificato  questi tre passaggi :

  • ACCESSO AGLI ATTI –
  • CONTESTAZIONE DELLE PATTUIZIONI-
  • ECCEZIONE DI INADEMPIMENTO E BLOCCO DEL PAGAMENTO DELLE RATE.

 

Moltissimi errori vengono commessi dal classico ” fai da te” che, se trasmessa in maniera errata diventa un vero e proprio boomerang. Infatti troppo spesso abbiamo dovuto arrenderci perché il debitore si era riconosciuto tale e per tale cifra.

UN AUTOGOAL DA EVITARE ASSOLUTAMENTE 

Naturalmente il debitore deve essere certo di poter onorare la somma promessa, mentre la banca attraverso il suo ufficio legale provvederà a formalizzare l’accettazione dell’accordo a saldo e stralcio che deve comprendere la rinuncia o estinzione di eventuali procedure giudiziali di recupero del credito, come decreto ingiuntivo o pignoramento, oltre alla cancellazione di eventuali segnalazioni effettuate presso le banche dati CRIF o CERVED, e gli archivi informatici che segnalano le situazioni di sofferenza.

 

MA AVETE MAI SOSPETTATO CHE IL VOSTRO ACCORDO NON LIBERA I GARANTI DAL DEBITO?

 

Ecco alcuni articoli interessanti che suggeriamo di leggere :  saldo e stralcio risultati    recensioni

 

 

Cosa si deve  fare : assolutamente non agire da soli; ricordarsi che la controparte ha grande esperienza e conosce i trucchi del mestiere e quindi  rivolgersi immediatamente  ad un legale esperto in gestione del debito
Assolutamente evitate il tradizionale studio legale “tuttofare”. Non è la strada corretta.
Grazie all’ Accordo Etico Nazionale qualora  non possiate permettervi un avvocato oppure semplicemente abbiate difficoltà ad identificarne uno realmente specializzato, l’associazione corre  in vostro  soccorso garantendovi il servizio e la sostenibilità dei costi legali. 
Tutto è veloce semplice grazie alla tecnologia a costo zero.Ecco cosa fare per attivare la procedura di immediato intervento da parte della Direzione Legale Nazionale. 
Solo dopo aver letto come funziona l’accordo Etico Nazionale dovete   registrate i vostri dati  ed autorizzarci al trattamento dei vostri dati privacy iscrivendovi :   
 ( ecco come iscriversi on line )  scegliete voi la quota associativa desiderata .
Entro le successive 24 ore   sarà nostro compito stabilire un primo contatto utile a  generare un fascicolo .
In sole 96 ore  la Direzione legale sarà già al vostro fianco identificando un legale abilitato ed esperto vicino a voi oppure assistendovi direttamente .
Per particolari necessità di informazione su questo innovativo e tecnologico servizio messo a disposizione delle Famiglie, la Direzione legale Nazionale  è raggiungibile come segue .
WhatsApp             :  attivo 24/24 ore  al mero 338 83 10 374 
E-mail :                   :  help@avvocatoinfamiglia.com 

L’unico errore è non fare nulla.

 Si perde il proprio diritto